A+ A A-

Kassianì, la poetessa bizantina che recitiamo il Martedì Santo



27-04-2021

Una figura femminile della grecità medievale

Cassia è la voce poetica del IX secolo, nota per la sua eloquenza

Spesso, per la particolare impronta ideologica della chiesa, trascuriamo o manchiamo di informazioni su alcune donne a dir poco straordinarie. È questo il caso di Cassia (Eikasia o Kassiani), una nobile bizantina, badessa e compositrice. 

Certo, intanto non sembra di essere qualcosa di eccezionale, ma l’opinione primaria su di lei può cambiare se si specifica che le sue produzioni sopravvissero a lei, e non solo vennero studiate nei tempi moderni, ma che addirittura riuscirono a conquistare un campo talmente chiuso e gerarchico che è il testo dell'attuale Liturgia ortodossa.

Chi è quindi Cassia, e perché ha raggiunto tale successo? 

Nasce in una famiglia nobile  circa nel 810. Logicamente sappiamo poco o nulla della sua infanzia, e possiamo solo dedurre dall’ analisi delle sue future produzioni che sin da piccola ebbe un’ eccellente educazione : oltre che a sapere leggere e scrivere (già una rarità per una donna a quell’epoca) aveva nozioni di poesia e di metrica.

La prima testimonianza degli storici su di lei, ben tre contemporaneamente (Giorgio il monaco, Simone il logotete e Leo il grammatico) tuttavia, arriva quando Cassia partecipa a un ricevimento, convocato dall'Imperatore Teofilo, in cui egli avrebbe dovuto scegliere la propria sposa. L’interessante qui però non è la situazione in se, che parlerebbe solo della bellezza di Cassia, ma il breve dialogo che ha con Teofilo. Colpito dalla sua bellezza, rivolgendosele, dice : “Attraverso una donna si distillano le passioni più vili (riferendosi al peccato originale di Eva)". Cassia gli risponde dicendogli: "Ma attraverso una donna giungono le cose migliori (riferendosi alla nascita di Gesù).” 

Dopo questo, Teofilo, ferito nell’ orgoglio, scelse un’ altra giovane, Teodora. (L’ autrice aggiunge che insultare il sesso opposto quando si cerca moglie è quanto mai sconsigliato)

Cassia non si dispera troppo per non essere stata scelta come futura imperatrice, e fonda un monastero a ovest di Costantinopoli . Molti studiosi dicono, non senza ironia, che Cassia volle consolarsi così del rifiuto di Teofilo, ma una lettera del monaco Teodoro Studita fa chiarezza sulle altre motivazioni che la giovane ebbe per fare questa scelta. In vicinanza al suo monastero si ergeva il principale centro di lavoro intellettuale e liturgico di quel tempi, il monastero di Studion, che tra il XI e il X secolo si dedicò all'opera di liturgica più importante dell'epoca: la riedizione della liturgia bizantina. Cassia inizia così una fitta corrispondenza con il monastero vicino, scrivendo inni e testi liturgici e questo sodalizio fece in modo che i suoi testi giungessero a noi intatti. Il suo corpus completo comprende circa 50 inni, di cui 23 inscritti nei testi liturgici. Oltre a questi, abbiamo circa 261 frammenti di carattere profano, tra cui epigrammi, aforismi e versi gnomici. Il più famoso e amato suo testo è “l’inno di Kassiani” che è letto in un momento di cruciale importanza religiosa per la chiesa orientale, ovvero il mercoledì santo,ultimo giorno prima della passione e delle Tenebre, giorno del grande tradimento di Giuda. Cassia descrive le sensazioni della donna peccatrice nel momento in cui si inginocchia davanti a Gesù e gli bacia i piedi, (spesso identificata con la figura di Maddalena) e poi paragona questo fatto alla caduta di Adamo ed Eva. Quando l’inno viene cantato dai fedeli in chiesa, descrive anche il loro viaggio per superare il peccato. Il testo è particolarmente adatto all’ occasione del Mercoledì Santo, perché il comportamento ella penitente risalta nel netto contrasto con il comportamento di Giuda, protagonista e figura chiave del mercoledì santo : la peccatrice che trascorse tutta la sua vita in modo increscioso, poco prima della morte di Cristo cerca di chiedergli perdono e di cercare di convertirsi; Giuda, che ebbe tutto da Cristo e che visse rettamente fino a questo Mercoledì Santo invece scivola e stabilisce “il prezzo di colui che è Inestimabile “ come scrive San Giovanni Damasceno. La traduzione del testo è la seguente: 

"Percependo la tua divinità Signore,

una donna di molti peccati,

li prende su di sé

per diventare portatrice di mirra

e nel pianto

ti offre olio profumato

quale presagio della tua sepoltura:

"Guai a me! Che la notte scenda su di me,

Che folle desiderio, buio e senza luna,

questa avidita’ per il peccato.

Prendi il mio pianto

Tu che attingi acqua dalle nuvole,

piegati su di me, al sospiro del mio cuore,

Tu che pieghi i cieli

nel segreto della tua incarnazione,

Bagnero’ i tuoi piedi immacolati di baci

e li asciughero’ con le ciocche dei miei capelli;

quegli stessi piedi il cui passo Eva aveva udito

al tramonto in Paradiso e si nascose in preda al terrore.

Chi conterà la moltitudine dei miei peccati

o la profondità del tuo giudizio,

Salvatore della mia anima?

Non dimenticare la tua serva,

Tu la cui misericordia è infinita".

L'inno è cantato in tono ottavo, chiamato anche “plagale del quarto modo” è naturalmente diatonico. I modi plagali sono i modi “pari” (ovvero il secondo, il quarto, il sesto e appunto l’ ottavo). Essi utilizzano la nota finale come tenore effettivo inferiore, oltre al tenore salmodico superiore alla terza (o alla quarta per i modi quarto ed ottavo). Il tenore inferiore dispone di una propria nota d'appoggio, alla terza (per il tenore in mi) o alla quarta inferiore, sulla quale può porre le proprie cadenze. Il loro ambitus normale si estende dunque di una ottava a partire da questa nota d'appoggio inferiore.

News

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

COMUNICATO STAMPA: Resoconto del Convegno "Studiosi Greci nella Sala dei Quaranta dell'Università di Padova"

 19-10-2021|COMUNICATO STAMPA: Resoconto del Convegno "Studiosi Greci nella Sala dei Quaranta dell'Università di Padova"|Il successo del grande evento organizzato dalla storica Comunità greca ortodossa di Venezia  categoria: News

Read more

Consegna delle borse di studio della Comunità Greca

 18-10-2021|Consegna delle borse di studio della Comunità Greca|Τελετή απονομής υποτροφιών της Ελλ. Κοινότητας  categoria: News

Read more

Kassianì, la poetessa bizantina che recitiamo il Martedì Santo

 27-04-2021|Kassianì, la poetessa bizantina che recitiamo il Martedì Santo |Una figura femminile della grecità medievale  categoria: News

Read more

Cinquant'anni dal Funerale di Igor Stravinsky

 15-04-2021|Cinquant'anni dal Funerale di Igor Stravinsky |Le esequie celebrate dal sacerdote di San Giorgio dei Greci  categoria: News

Read more

Προκήρυξη Αλεξάνδρου Υψηλάντη στα αρχεία της Ελληνικής Αδελφότητας Βενετίας

 29-03-2021|Προκήρυξη Αλεξάνδρου Υψηλάντη στα αρχεία της Ελληνικής Αδελφότητας Βενετίας |Κείμενο και επιμέλεια: Δέσποινα Βλάσση  categoria: News

Read more

Riapre il Museo delle Icone

 08-02-2021|Riapre il Museo delle Icone |Gli orari per il mese di Febbraio  categoria: News

Read more

Auguri di Buon Natale e buone feste

 23-12-2020|Auguri di Buon Natale e buone feste |Tra Grecia e Italia  categoria: News

Read more

ISCRIZIONI AI CORSI DI NEOGRECO 2020-21

 04-10-2020|ISCRIZIONI AI CORSI DI NEOGRECO 2020-21|Aperte le iscrizioni  categoria: News

Read more

Nuova composizione della Consulta della Comunità

  20-09-2020|Nuova composizione della Consulta della Comunità |Risultati elezioni 20 settembre 2020  categoria: News

Read more